La Community degli studenti di Ingegneria Informatica di Napoli


Utenti:12804  (Ultimo: antonio_mennella)
Attualmente On-Line: 138
Totale Pagine Viste: 78704752

Numero di Downloads: 939287
Numero di Posts nel Forum: 273467
Totale News: 1795



Nickname    Password      (Registrati QUI)
Oggi, 19 Mar 2019 09:41:22   (server time)


.::Menu del Sito

 Home Page
 Cerca nel FORUM
 Statistiche
 Elenco Utenti
 Scrivi allo staff
 Links
 INFORMAZIONI
 FAQ
 Calendario Eventi
 News
 Archivio News
 Invia News
 Argomenti
 COMMUNITY
 Forums
 Trovamici
 CHAT IRC
 Chi segue i Corsi?
 APPUNTI
 Downloads
 UTENTE
 Pannello Personale
 Messaggi Privati
 ALTRO
 Annunci Economici
 Cruciverba On Line

 UNIVERSITA'
 Federico II
 Sito Docenti
 Facoltà di Ingegneria
 Ingegneria Informatica
 Bacheca Esami
 ESIS - Chiosco Servizi
 Campus Unina
 Elenco Telefonico Unina
 Biblioteca ingegneria
 Biblioteche Unina
 DIS - (Inf. - Sist.)
 Prisma Lab
 Elettrotecnica
 Mobilab
 Diet - (Elettr. - Telec)
 SincroLAB
 RADIO F2
 ADISU (diritto allo studio)
 Banca dati Laureati
 Wikipedia - Federico II

.::Chat Offline

Purtroppo per l''ennesimo problema di hosting la chat è temporaneamente disabilitata, mi scuso per i disagi e provvederò a breve ad un ripristino/sostituzione
grazie
PeX

  
Quelli Di Informatica: Forums

Quelli di Informatica :: Leggi il Topic - Quello che avremmo sempre voluto sapere...
 FAQFAQ   CercaCerca   Gruppi utentiGruppi utenti   ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

Quello che avremmo sempre voluto sapere...

 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> sfoghi e lotte
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Riozen
Quello su cui contare
Quello su cui contare

Corso: II Anno (DF-M)

Attualmente è: Offline
Messaggi: 240
Registrato: Oct 18, 2004

MessaggioInviato: Mar 01 Giu, 2010 - 22:09    Oggetto: Quello che avremmo sempre voluto sapere... Rispondi citando

Scrivo questo simpatico post per condividere quanto ho ritrovato in un blog su delle domande che miei colleghi che hanno intrapreso o intendono farlo si domandano ecco qui:

Ma quale Ingegneria Informatica?!

Oggi voglio parlare di Ingegneria Informatica….

….Ingegneria?!Ma quale Ingegneria!

Si, perchè secondo il mio parere l’Informtica non dovrebbe essere considerata una scienza ingegneristica.

Se prendiamo Wikipedia e facciamo una ricerca troveremo immediatamente:

“Ingegneria: scienza applicata alla risoluzione di problematiche che concorrono alla soddisfazione dei bisogni umani; più in generale l’ingegneria è Scienza delle soluzioni. In quanto tale, l’ingegneria è da intendersi come sinonimo di tecnica di alto livello, e non deve essere confusa con le tecnologie, rami che appartengono sia alla scienza che alla stessa ingegneria.“

e ancora:
“L’ingegneria applicando le norme tecniche fornisce metodi, progetti e specifiche per la produzione(costruzione) di un bene fisico, di un prodotto o di un servizio, e più in generale per lo sviluppo e il controllo di un processo industriale.“

Ora cerchiamo Inegneria Informatica:

“L’ingegneria informatica è la branca dell’ingegneria che si occupa dell’analisi, dello sviluppo e del progetto dei sistemi per l’elaborazione dell’informazione.
Un ingegnere informatico è quel professionista in grado di svolgere attività nella pianificazione, progettazione, realizzazione, gestione e esercizio di sistemi e infrastrutture per la rappresentazione, la trasmissione e l’elaborazione delle informazioni.
È un esperto delle applicazioni teoriche e organizzative legate all’informatica, con conoscenza di programmazione nei principali linguaggi quali il C/C++ o il Java.“

Bene, tutto chiaro, ma passiamo alla pratica:

Prendiamo un qualunque altro Ingegnere che può benissimo essere Civile, Industriale, Elettrico, Meccanico, Edile, Aerospaziale e chi più ne ha più ne metta,

1. una volta laureati, passando l’esame di stato possono iscriversi all’albo degli inegneri ed esercitare così la propria professione con la possibilità di firmare progetti e qundi avere un valore aggiunto per la propria figura.

All’ Ingegnere informatico a che serve la firma? Assolutamente a nulla, quindi è pressoche inutile sostenere l’esame di stato e iscriversi all’albo, se non per essere chiamati Ing. e non solamente Dott.

2. le conoscenze acquisite durante il percorso formativo uniersitario sono un cavallo di battaglia con cui potersi “vendere” alle imprese , perchè se volgiono quel tipo di persona devono per forza sciegliere un Ingegnere.

L’ingegnere informatico è unico nel suo genere? Assolutamente no, ad una software house può benissimo andare bene qualunque altra figura (non laureata) che conosca il C++ o il Java e che sicuramente non avrà le pretese di un laureato (in termini economici).

3. la laurea triennale differisce dalla laurea specialistica oltre che dalle conoscenze che si possono acquisire anche dal tipo di figura che si viene a formare. Un laureato triennale (non informatico) iscritto all’albo e quindi ingegnere junior, ha meno valore di un qualsiasi Perito (vedremo nel prossimo articolo perchè), mentre un laureato specialista con l’iscrizione all’albo diventa a tutti gli effetti ingegnere e quindi con il massimo valore professionale.

L’ingegnere informatico specialista ha più valore di uno triennale? Assolutamente no, dato che comunque non deve firmare nulla e qundi come abbiamo già detto l’iscrizione all’albo è praticamente inutile, un inegnere specialista ha solo più conoscenze di uno triennale, ma quest’ultimo può benissimo avere acqusito queste conoscenze sul campo (quindi lavorando) mentre lo specialista ha ultimato gli studi, anzi, le conoscenze saranno sicuramente maggiori e a parità di curriculum dopo la laurea triennale, un informatico con esperienza ha sicuramente più valore di un laureato specialista senza esperienza.

4. nel corso di studi ha effettuato gli esami propri dell’ingegneria, come Fisica, Matematica, Chimica (solo alcuni), Geometria, etc. tutti esami che comunque gli serviranno nella propria attività professionale, quindi NON inutili a fini lavorativi.

A cosa serve la fisica/chimica/matematica/geometria a un Ingegnere Informatico? Assolutamente a nulla, quindi perchè continuarla a chiamare ingegneria? Bella domanda vero?

5. l’esame di stato per diventare ingegnere “junior” è fatto ad hoc per i soli laureati provenienti da una laurea in inegneria, quindi se un ragazzo vuole praticare la professione da ingegnere deve per forza fare quel corso di studi.

Solo lo studente che ha fatto Ingegneria informatica può essere considerato Ingegnere con l’esame di stato? Assolutamente no, infatti all’Esame di stato per ingegnere “junior”, possono accedervi anche i laureati provenienti da Scienze dell’informazione, quindi con un percorso più semplice e mirato alla sola informatica, cosa che vorrebbe qualsiasi ragazzo che si iscrive a ingegneria informatica.

Quindi quali sono i vantaggi?

Bella domanda…bè, se vi piace l’informatica, sicuramente con il percorso di tipo Ingegneristico avrete nel curriculum un valore aggiunto rispetto a un laureato in scienze dell’informazione, infatti solo perchè avete fatto ingegneria avrete dei “punti in più” da parte del selezionatore.

Sicuramente con una laurea in ingegneria informatica avrete conoscenze più generali su tutte le discipline informatiche e non, compreso tutte le altre scienze.

Quindi sciegliere o meno Ingegneria Informatica?

Se posso darvi un consiglio pensateci bene, pensate soprattuto a cosa vorreste fare “da grandi”, un programmatore non capita spesso che diventi un Manager ICT! E un sistemista apprende solo con l’esperienza sul campo, quindi una laurea triennale giusto “per fare curriculum” può andare più che bene!

Qual’è la vostra opinione in merito?

ps: come alcuni di voi sapranno sono laureato in Ingegneria Informatica.




LINK: http://c1rc0.wordpress.com/2008/07/31/ma-quale-ingegneria-informatica/
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Arkon
quello supermega top
quello supermega top

Corso: II Anno Specialistica

Attualmente è: Offline
Messaggi: 5830
Registrato: Jan 15, 2005

MessaggioInviato: Mar 01 Giu, 2010 - 22:21    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
L’ingegnere informatico è unico nel suo genere? Assolutamente no, ad una software house può benissimo andare bene qualunque altra figura (non laureata) che conosca il C++ o il Java e che sicuramente non avrà le pretese di un laureato (in termini economici).
Ma l'ingegnere dell'hardware? IMHO, col piffero che una qualunque figura non laureata può competere con un ingegnere (specialista) specializzato in hardware...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Braveheart
Quello con la tastiera nei diti
Quello con la tastiera nei diti

Corso: Laureato

Attualmente è: Offline
Messaggi: 144
Registrato: Sep 15, 2006

MessaggioInviato: Mar 01 Giu, 2010 - 23:56    Oggetto: Rispondi citando

Io penso che una laurea fatta per bene in Ingegneria Informatica,oltre a quelle conoscenze e competenze che sul campo si apprendono in molto meno di 5 anni, sviluppi capacità di ragionamento critico e di problem solving, che possono essere applicate in maniera flessibile in qualunque settore (se ci sapete fare con la matematica, con la fisica, con l'informatica, con l'automazione ecc. probabilmente potete adattarvi in qualsiasi ambiente aziendale).
Penso che queste caratteristiche siano quelle che le aziende ricercano per coloro che non debbano fare un semplice lavoro da catena di montaggio.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
DeSyrio
quello supermega top
quello supermega top

Corso: Laureato

Attualmente è: Offline
Messaggi: 1052
Registrato: Dec 05, 2003

MessaggioInviato: Mer 02 Giu, 2010 - 06:42    Oggetto: Rispondi citando

L'articolo è anche condivisibile in parte (non completamente, per i motivi che hanno già spiegato), ma mi volevo concentrare sul 4, che è completamente falso.
In moltissimi campi dell'informatica, se veramente devi RISOLVERE un problema, c'è bisogno di usare la matematica, o in particolare la geometria o la ricerca operativa o la teoria della probabilità. Effettivamente più raro, ma sicuramente non inesistente come afferma l'articolo, è l'uso effettivo di Fisica e Chimica.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Caesars
Quello che c'è sempre
Quello che c'è sempre

Corso: II Anno Specialistica

Attualmente è: Offline
Messaggi: 131
Registrato: Oct 06, 2006

MessaggioInviato: Mer 02 Giu, 2010 - 12:36    Oggetto: Rispondi citando

Non vale la pena neanche commentare...
Mi rattrista molto il fatto che una persona si sia laureata senza capire un piffero di quello che ha studiato. Evidentemente colui che ha scritto quelle cose e' una persona che non ha raggiunto i suoi obiettivi professionali e se la prende inutilmente con chissà cosa.
Concludo dicendo che : anche chi progetta software applica più fisica di un qualunque altro ingegnere, perchè tutti gli altri ingegneri utilizzano questi software per progettare senza preoccuparsi dei calcoli fisici e matematici; chi poi si occupa di automazione o hardware non ne parliamo proprio...
Ci sarà un motivo se siamo l'unico corso di laurea ad avere 18 CFU di fisica ed assieme a tutto il ramo di informazione ad essere quelli che fanno più esami di matematica di tutti!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
FranZ
quello che hai inventato il forum
quello che hai inventato il forum

Corso: II Anno Specialistica

Attualmente è: Offline
Messaggi: 950
Registrato: Feb 08, 2005

MessaggioInviato: Mer 02 Giu, 2010 - 13:52    Oggetto: Rispondi citando

anche la Fisica è adoperata in maniera massiccia nel nostro campo, basti pensare all'enorme diffusione delle reti wireless negli ultimi anni e alla relazione che queste hanno con lo studio delle onde. Inoltre è forte anche il legame tra la realizzazione di hardware e lo studio della termodinamica, parte integrante della fisica.

Tuttavia, trovo comunque ampiamente condivisibile alcune critiche mosse al sistema. Naturalmente, come tutti oggi sanno, è stato un errore enorme il passaggio al Nuovo Ordinamento, è il Nuovissimo in questo senso è stato un tentativo di porre un rimedio. Inoltre, attualmente l'organizzazione è veramente pessima, con argomenti ripetuti in più corsi, propedeuticità sbagliate, qualche corso meno importante per la nostra formazione preferito nei piani di studio statuari a corsi per noi più importanti.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Fabiowd1990
Quello su cui contare
Quello su cui contare

Corso: Vecchio Ordinamento

Attualmente è: Offline
Messaggi: 241
Registrato: Jul 21, 2009

MessaggioInviato: Mer 02 Giu, 2010 - 14:59    Oggetto: Rispondi citando

Io non capisco per quale motivo si torna sempre punto e daccapo con questo discorso, cioè "Perchè siamo costretti a fare fisica etc etc, perchè chimica etc etc, perchè analisi e geo ed algebra, etc etc".

Voglio rispondere a questa domanda nella mia modesta esperienza del primo anno, da ex studente di liceo scientifico.
Il latino, preso in sè e per sè, al liceo non serve a nulla. Ma aiutare a creare una forma mentis, un modo diverso di intendere le frasi, un modo diverso di costruirle, un'ottica diversa nell'interpretarle.

Quindi ai tanti perchè che si pongono, come prima risposta dò questa: La fisica si studia, perchè ci permette di guardare le cose in maniera diversa, di non fermarci al semplice non ci riesco, ma a studiare un problema in tutte le sue sfaccettature, così come per svolgere un integrale devi sapere e saper ragionare. E l'imparare a ragionare in materia di studio, per quanto mi riguarda, aiuta anche molto nel saper ragionare di tutti i giorni, perchè si impara a non arrendersi davanti a qualcosa che non conosciamo.

Mettiamo caso domani, tu laureato con 110 e lode in ingegneria informatica, venga chiamato da un'azienda che produce software per aerei.
Pensi che l'azienda chiami un "perito", che conosce solamente COME programmare, e poi al suo fianco assuma 20 persone tra fisici e aerospaziali, per fargli capire come funziona il volo?
Oppure preferisce chiamare un ingegnere informatico, che capisce rapidamente le problematiche "fisiche", che un software per aereo deve poter analizzare, e lo fa affiancare da un aerospaziale?

Ancora, un domani si viene chiamati da una scuola guida.
"Progettatemi un simulatore di guida."
Come si pretende di saperlo fare, se non si ha la più pallida idea di come un corpo si muove nello spazio, e in base a quali leggi?
Un ospedale ha bisogno di un software per fare delle analisi ai pazienti. Penso che sapere un pò di chimica possa aiutare molto, no?

Proprio perchè scegli di diventare ingegnere, scegli di affrontare i problemi avendo in tasca più armi possibile, che si possono considerare come un'unica arma: la cultura.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Pako_O
Quello Best Of Forum
Quello Best Of Forum

Corso: I Anno Specialistica

Attualmente è: Offline
Messaggi: 117
Registrato: Dec 16, 2005

MessaggioInviato: Mer 02 Giu, 2010 - 17:21    Oggetto: Rispondi citando

Beh questo articolo ha senso solo nel caso si consideri che un ingegnere informatico debba diventare un PROGRAMMATORE Java o C++(o altri linguaggi), in questo caso basterebbe un autodidatta SMART o un Informatico o anche un perito!
dato che per fortuna è così solo (dal mio punto di vista) nel peggiore dei casi quest'articolo non merita nemmeno commenti!
in ogni caso meglio un perito geniale che un ingegnere informatico scarso!!!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Cristofaro
quello con le dita consumate
quello con le dita consumate

Corso: Laureato

Attualmente è: Offline
Messaggi: 393
Registrato: Mar 13, 2004

MessaggioInviato: Gio 03 Giu, 2010 - 10:56    Oggetto: Rispondi citando

Alcune cose sono vere come il fatto che ad un ingegnere informatico l'iscrizione all'albo serve quasi a nulla oppure che di fronte alle aziende, in sede di colloquio (e lo dico per esperienza diretta) vale molto più un non laureato con esperienza che un laureato specialistico che sa tutto ma non sa fare nulla praticamente. Sul fatto che determinate materie non servano a nulla come Fisica o Chimica beh è vero ma io ho sempre pensato che l'università mi abbia insegnato soprattutto ad imparare le cose piuttosto che ad avere specifiche conoscenze. Da tale punto di vista è indubbio però che se proprio uno deve allenarsi ad imparare tanto vale che siano resi obbligatori esami di informatica e non esami poco pertinenti come Fisica 3 o Etc.. Ad ogni modo posso assicurarti che in alcuni contesti fanno differenza tra triennale e specialistico, ad esempio la Selex conferisce uno stipendio iniziale ridotto di 1000 EUR/annue se hai solo la triennale e non la specialistica. Che poi ci sono molte aziende che chiamano ai colloqui laureati in ingegneria informatica per lavori che potrebbe fare un semplice diplomato appassioanto di Java o C++ beh questo è legato al fatto che si fidano più degli ingegneri in generale per la loro flessibilità mentale ma questa circostanza non è riscontrata sempre da un trattamento economico privilegiato né tantomeno decente.
Quello che mi ha veramente deluso del nostro corso è che raramente il primo lavoro lo trovi per merito diretto della facoltà, nel mio caso ho aspettato 6 mesi prima di trovarne uno a 600 Km da casa e non per merito loro... altri miei amici di meccanica hanno potuto lavorare su piccoli progettini assegnati tramite l'università e si sono rivenduti meglio sul mercato...

Ciao
_________________
I soldi non fanno la felicità (!?)... figuriamoci la miseria!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
hate
Quello che la notte pensa
Quello che la notte pensa

Corso: Vecchio Ordinamento

Attualmente è: Offline
Messaggi: 182
Registrato: Nov 02, 2009

MessaggioInviato: Ven 04 Giu, 2010 - 14:33    Oggetto: Rispondi citando

Arkon ha scritto:
Citazione:
L’ingegnere informatico è unico nel suo genere? Assolutamente no, ad una software house può benissimo andare bene qualunque altra figura (non laureata) che conosca il C++ o il Java e che sicuramente non avrà le pretese di un laureato (in termini economici).
Ma l'ingegnere dell'hardware? IMHO, col piffero che una qualunque figura non laureata può competere con un ingegnere (specialista) specializzato in hardware...


ma davvero credi che un software può essere fatto da tutti bene?
Riguardo l'hardware ma credi che queste cose sono facilmente vendibili?
ti faccio una domanda nella fase di sviluppo di qualsiasi ambito di produzione qual è la fase più costosa?
1- Analisi
2- Progettazione
3- Sviluppo
4- Manutenzione
5- Dismissione del prodotto

se sai la risposta a questa domanda capisci immediatamente che specializzarsi in hardware salvo in casi particolarissimi, è follia. Allo stato attuale è cosa da cinesi, i progettisti hardware sono pochissimi e stanno nel mercato da una 20ina di anni(quasi inamovibili).
Lo sviluppo software è solo uno strumento che però non si può non avere. Ironia della sorte anche l'hardware allo stato attuale si sviluppa con strumenti software (cosa si fa più di un semplice programmatore) . Quindi ti direi di non banalizzare figure professionali come Softwaristi e Sistemisti( non semplici corpi in affitto però). Tant'è che se scrivi in internet ovunque sentirai dire che i guadagni maggiori si hanno per queste due categorie e l'hardwarista è l'ultima ruota del carro.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> sfoghi e lotte Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Idea, website e amministrazione by PeXPeX
Il materiale nel sito è disponibile GRATUITAMENTE e non può essere connesso a nessuna attività economica o LUCRATIVA
Sito sviluppato in PHP sulla base del CMS PHP-Nuke. Su licenza GPL/GNU Best View 1024*768